Ovetto

La scorsa estate, a Lampedusa, una mamma tartaruga ha deposto le sue uova sotto la sabbia chiara e sottile della spiaggia della Guitgia.

Scegli il kit di adozione più adatto a te!

  • KIT PAPER-FREE
    anemptytextlline
    Il kit di adozione paper-free viene inviato tramite e-mail e comprende una lettera del Presidente di Legambiente, un certificato di adozione personalizzato e una foto con la storia della tartaruga adottata (la donazione minima per il kit paper-free è di 20 euro).
  • KIT CON REGALO
    anemptytextlline
    Con un piccolo contributo in più, puoi personalizzare il tuo regalo aggiungendo al tuo kit paper-free uno o più gadget! Scegli tra gli oggetti realizzati a mano da un gruppo di artigiane con materiali di recupero. Accessori e gioielli unici, dedicati al tema del mare e della tutela delle tartarughe marine.

CREA IL TUO KIT!

Inserisci qui sotto i dati che utilizzeremo per creare il kit personalizzato, e l’e-mail a cui inviare il kit.

Se desideri fare un regalo, puoi scrivere anche un messaggio di auguri personale… ricorda di inserire la tua firma nel testo del messaggio!

Dopo aver inserito questi dati, potrai scegliere il tuo kit aggiungendo i gadget al tuo carrello:

Minimum Price: 20,00

-
+
COD: t01-10 Categoria:

La scorsa estate, a Lampedusa, una mamma tartaruga ha deposto le sue uova sotto la sabbia chiara e sottile della spiaggia della Guitgia. Il personale della Riserva Naturale Isola di Lampedusa, gestita da Legambiente, ha subito recintato l’area e ha riconosciuto la tartaruga, la stessa che aveva già deposto le sue uova a Cala Croce nel 2016, ed era stata marcata dal personale della riserva. Dopo più di due mesi, al tramonto, il nido ha dato i primi segnali della schiusa: la sabbia è scesa creando un avvallamento ed è iniziato uno spettacolo straordinario. Circa 60 uova si sono aperte contemporaneamente e i piccoli tartarughini hanno fatto i primi passi verso il mare. I volontari di Legambiente, che controllavano il nido notte e giorno, sono subito accorsi. Anche Ovetto ce l’ha fatta a raggiungere la riva e a prendere il mare. La natura ha fatto il suo corso ma ora occorre proteggere Ovetto dai tanti pericoli: non solo ami e reti, ma anche plastica e rifiuti che può scambiare per cibo o in cui può restare intrappolato.